Navigazione veloce
> Secondaria primo grado Alessandrini > Orientamento musicale

Orientamento musicale

INDIRIZZO MUSICALE

musicale

Con la Legge n.124 del 3 maggio 1999 (art.11 c.9) vengono ricondotti ad ordinamento i corsi ad Indirizzo Musicale: la materia “strumento musicale” diventa a tutti gli effetti curricolare e il docente in sede di valutazione periodica e finale esprime un giudizio analitico. In sede di esame di licenza viene verificata la competenza raggiunta mediante una prova pratica di esecuzione allo strumento.

A partire dall’anno scolastico 2000-2001, la scuola Secondaria di I grado “E. Alessandrini ” offre la possibilità di frequentare il corso ad Indirizzo Musicale.
La scuola secondaria di I grado ad Indirizzo Musicale non si propone di formare degli strumentisti professionisti ma, in accordo con le disposizioni di programmi ministeriali, svolge un percorso educativo e formativo attraverso la musica fornendo, al tempo stesso, le competenze necessarie a chi intende continuare gli studi musicali.

STRUMENTI MUSICALI

Nella nostra scuola vengono insegnati i seguenti strumenti:

- Pianoforte

- Chitarra

- Clarinetto

- Percussioni

L’assegnazione dello strumento avviene in base alle indicazioni dell’iscritto, ai risultati del test attitudinale e alle disponibilità dei posti.

ISCRIZIONE AL CORSO

Al corso ad Indirizzo Musicale si possono iscrivere tutti gli alunni provenienti dalle scuole primarie. Per richiedere l’ammissione ai corsi è necessario presentare esplicita richiesta all’atto dell’iscrizione, barrando l’apposita casella presente nella domanda di iscrizione. L’alunno può esprimere all’atto dell’iscrizione l’ ordine di prefereza degli strumenti insegnati al corso ad Indirizzo Musicale. Le indicazioni fornite hanno valore informativo e orientativo, ma non vincolante. Gli iscritti sono inseriti in graduatoria in base ai risultati del test attitudinale.

Non è richiesta nessuna conoscenza preventiva della musica.

FUNZIONAMENTO

Gli alunni svolgono il normale curricolo previsto nelle ore del mattino mentre le attività musicali si svolgono al pomeriggio.

Il corso ad indirizzo musicale ha durata triennale ed è integrante del piano di studio dello studente e materia degli esami di stato al termine del primo ciclo d’istruzione. Le lezioni del corso si svolgono in orario pomeridiano e prevedono due rientri settimanali per svolgere una lezione di strumento individuale e una collettiva di musica d’insieme/teoria musicale. 

Non è possibile cambiare l’orario della lezione individuale di strumento stabilito all’inizio dell’anno scolastico, se non con il nulla osta del Dirigente Scolastico, in conseguenza di valide e comprovate motivazioni.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Nel campo della formazione musicale l’insegnamento dello strumento persegue un insieme di obiettivi generali all’interno dei quali si individua l’acquisizione di alcuni traguardi, quali:

- Padronanza tecnica del proprio strumento alla produzione di eventi musicali;

- acquisizione di abilità in ordine alla lettura ritmica e intonata e di conoscenze di base della teoria musicale;

- capacità di produrre autonome elaborazioni di materiali sonori all’interno di griglie predisposte.

REGOLAMENTO

  • Una volta ammesso al corso ad indirizzo musicale, l’alunno è tenuto a frequentare l’intero triennio e non è consentito ritirarsi.

  • Non è consentito cambiare strumento nel corso del triennio.

  • Dopo tre assenze continuative (non dovute a malattia) viene inviata una lettera alla famiglia finalizzata ad approfondire la situazione.

  • Le assenze delle ore pomeridiane devono essere giustificate il mattino successivo dall’insegnante della prima ora. Se l’assenza riguarda anche il mattino è sufficiente una sola giustificazione per tutta la giornata.

  • L’acquisto dello strumento, dei libri e degli accessori vari è a carico alle famiglie degli studenti.

  • In previsione di concerti, manifestazioni e concorsi è possibile una variazione dell’orario pomeridiano.

  • L’inclusione in orchestra non è automatica, ma in base alle esigenze strumentali della partitura e all’effettiva pratica strumentale acquisita dall’alunno.

  • Per conferire agli studenti e all’Istituto un’immagine più ordinata e distinta, in occasione di saggi e concerti viene richiesto agli alunni di indossare pantaloni neri, camicia bianca con maniche lunghe e scarpe nere.

  • Le attività del corso ad indirizzo musicale, in quanto curricolari, hanno la priorità sulle attività extrascolastiche.

LA MUSICA D’INSIEME

Nel corso ad indirizzo musicale la pratica della musica d’insieme (dal duo alla piccola orchestra) si pone come strumento metodologico privilegiato. Fin dai primi tempi gli alunni svolgono attività di musica d’insieme opportunamente progettate per consentire la partecipazione all’esperienza a prescindere dal livello di competenze raggiunto. Suonare diventa comunicazione e piacere di stare insieme oltre che mezzo di confronto e collaborazione.

MANIFESTAZIONI

Durante l’anno scolastico sono organizzati saggi di classe, concerto di Natale e fine anno. Gli alunni possono, inoltre, partecipare a concorsi organizzati per la categoria specifica del loro strumento o per quella della musica d’insieme.

Come richiamato dall’allegato A del D.M. 13/02/1996: Indicazioni generali, le esibizioni in pubblico degli alunni vengono considerate parte integrante del corso di studio.

MODALITA’ DELLA PROVA ORIENTATIVA-ATTITUDINALE

Al corso ad Indirizzo Musicale si accede tramite il superamento di una prova orientativo-attitudinale, predisposta da un’apposita commissione interna, art. 2 D.M. 6 agosto n°201/1999.

La commissione è formata dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato, e dai Docenti di Strumento Musicale.

  • Tale prova è finalizzata a verificare capacità quali:

il riconoscimento di alcune caratteristiche del suono. Altezza, intensità e durata.

  • La ripetizione per imitazione degli incisi ritmici e melodici in modo da poter valutare:

senso ritmico, memorizzazione, riproduzione.

  • Accertamento delle caratteristiche fisico-attitudinali per tutti gli strumenti e il punteggio assegnato sarà quello relativo allo strumento che la Commissione riterrà congeniale al candidato.

L’assegnazione dello strumento al singolo alunno, all’atto dell’iscrizione, viene effettuata dagli Insegnanti della Commissione sulla base della prova attitudinale stessa e di una conseguente graduatoria. L’indicazione dello strumento più adatto allo specifico allievo, da parte dei docenti componentila Commissione, non è sindacabile, anche se, nei limiti del possibile, terrà conto delle indicazioni (non vincolanti) fornite dalla famiglia all’atto dell’iscrizione. La prova è selettiva relativamente al numero dei posti di strumento disponibili per l’anno scolastico di riferimento, 24 (6 per ogni strumento). In caso di rinuncia di un allievo che abbia superato la prova, la Commissione, seguendo l’ordine di graduatoria, proporrà all’alunno successivo in ordine di idoneità l’assegnazione del posto resosi disponibile.

I Docenti di strumento